fRANCESCO VALERIO TOMASI – L’ANALOGIA IN CARL SCHMITT E IN GIORGIO AGAMBEN

fRANCESCO VALERIO TOMASI – L’ANALOGIA IN CARL SCHMITT E IN GIORGIO AGAMBEN. Un contributo al chiarimento della teologia politica     pubblicata da Vladimir D’Amora il giorno giovedì 15 marzo 2012 Se l’espressione «teologia politica» sembra ormai essere divenuta di uso comune nel dibattito specialistico, indicando un ambito disciplinare autonomo, o quantomeno una impresa scientifica specifica, ancora non delimitati con … Continua a leggere

Carlo Formenti, Informazioni di parte

Informazioni di Parte Carlo Formenti Dopo aver pubblicato il contributo di SIlvano Cacciari, continuiamo la trascrizione del ciclo di incontri “Informazioni di Parte. Per un nuovo mediattivismo tra disordine globale e narrazioni insorgenti”, tenutisi lo scorso maggio presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. È questa volta il turno dell’intervento di Carlo Formenti, docente di Scienza della … Continua a leggere

Sonia Caporossi,La crisi del linguaggio filosofico nella seconda modernità: una riflessione dal sottosuolo.

2012La crisi del linguaggio filosofico nella seconda modernità: una riflessione dal sottosuolo.       di SONIA CAPOROSSI In questa società la vita, nel migliore dei casi, è una noia sconfinata e nulla riguarda le donne: dunque, alle donne responsabili, civilmente impegnate e in cerca di emozioni sconvolgenti, non resta che rovesciare il governo, eliminare il sistema monetario, istituire l’automazione globale e distruggere … Continua a leggere

Roberto Finelli,Antonio Gramsci. La rifondazione di un marxismo senza corpo

Antonio Gramsci. La rifondazione di un marxismo senza corpo di Roberto Finelli   1. Un nuovo soggetto della storia. Quando Antonio Gramsci comincia a deporre i suoi appunti in quelli che saranno poi i Quaderni del carcere, il suo sguardo teorico è profondamente mutato rispetto ai suoi precedenti anni di vita e di militanza politica. Imprigionato nell’Italia dove ormai s’è … Continua a leggere

PIERLUIGI VUILLERMIN, la grande lezione di ERNST BLOCH

Weimar e noi (attraverso Bloch) Pierluigi Vuillermin 1. Premessa (anti-borghese)Secondo l’Economist (notizia di qualche tempo fa) per la prima volta nella storia dell’umanità circa metà della popolazione mondiale è entrata a far parte della middle class. Ebbene, ne ha fatta di strada la vecchia piccola borghesia negli ultimi due secoli. Nelle aree emergenti dell’Impero la sua avanzata è incessante. In … Continua a leggere

Vladimir D’Amora,La morte bio-politica

    Vladimir D’Amorahttps://www.facebook.com/note.php?saved&&note_id=10150212406152761La morte bio-politica La morte bio-politica, la morte della morte, la morte non lasciata essere morte…C’è la morte della zoè, è la morte del bios, i pezzi, e non i visi della morte: se ogni visitazione conta su una vacanza, una specie della cesura, ecco la presenza che rinvia ad una ulteriorità che resti tale, non presentificandosi manco … Continua a leggere

nADIA fUSINI, a SCUOLA CON jOYCE

A SCUOLA CON JOYCE. LEGGERE E RILEGGERE FINNEGANS WAKE. Una nota di Nadia Fusini …. M. saluti, fls http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=5193LINGUA, SCUOLA, E MONDO. C’era una volta una scuola in cui si insegnava a leggere opere come Ulisse, come Finnegans Wake. C’era una scuola pubblica e c’erano professori e maestri …. A SCUOLA CON JOYCE. LEGGERE E RILEGGERE FINNEGANS WAKE. La bellezza … Continua a leggere

Antonio Gramsci, Odio gli indifferenti

“…sembra che la storia non sia che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto, del quale rimangono vittima tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. E questo ultimo si irrita, vorrebbe sottrarsi alle conseguenze, vorrebbe apparisse chiaro che egli non ha voluto, che egli non … Continua a leggere

Sedici parole dall’Italia più giovane

Sedici parole dall’Italia più giovane Andrea Bajani / illustrazione di Laura Cattaneo Sedici parole dall’Italia più giovane C’è un modo che hanno solo i ragazzi, di scrivere le parole sopra gli zaini. Oppure sui muretti o sulle panchine, o sui tavolini di legno dei parchi. Ci si chinano sopra scrivendo ed escludono tutto il resto che gli sta intorno. Qualcuno … Continua a leggere

bENEDETTO Il profilo facebook di Zygmunt Bauman

bENEDETTO   Il profilo facebook di Zygmunt Bauman Quando sabato pomeriggio Zygmunt Bauman sale sul palco della Sala Sinopoli all’Auditorium di Roma, il corteo contro la precarietà che si svolge a una manciata di chilometri da qui ha iniziato ad “occupare” la spazio antistante il Colosseo. Di quell’iniziativa non arriva nessuna eco nella sala ovattata dove lo studioso polacco sta … Continua a leggere